Fvg, Fedriga: Buttignon e Martini simboli sacrificio che paga

Fdm

Trieste, 10 set. (askanews) - "Stefania Buttignon e Simone Martini sono una chiara dimostrazione di quanto il sacrificio, l'applicazione, la determinazione e la fatica siano i presupposti per raggiungere traguardi importanti in ogni ambito della nostra vita. Alle Olimpiadi del prossimo anno in Giappone vestiranno la maglia azzurra dell'Italia ma promuoveranno anche il Friuli Venezia Giulia che affida loro il bellissimo compito e la grande responsabilità di essere degnamente rappresentato ai massimi livelli sportivi".

Definendoli "modello sociale per la nostra comunità", il governatore del Friuli Venezia Giulia ha ricevuto oggi a Trieste, nel palazzo della Regione, i due canottieri giuliani - lei monfalconese della Canottieri Timavo, lui triestino della Canottieri Padova - che hanno recentemente conquistato ai campionati mondiali di Linz (Austria) il pass olimpico per i Giochi di Tokyo 2020, rispettivamente nel due di coppia femminile (Buttignon) e nel singolo maschile (Martini). Accompagnati dal consigliere della Federazione italiana canottaggio (Fic), Dario Crozzoli, e dal tecnico della Canottieri Timavo di Monfalcone, Lorenzo Tedesco, la 22enne Buttignon e il 31enne Martini hanno evidenziato il lungo e costante lavoro, abbinato a una rigorosa programmazione, che li ha portati a guadagnarsi il via libera olimpico senza mai perdere di vista lo studio. Simone, infatti, è già ingegnere navale mentre Stefania è al terzo anno del medesimo percorso universitario a Trieste.