Fvg, Riccardi: 3 mln euro per adeguamento ospedale Maggiore Ts

Fdm

Trieste, 3 ott. (askanews) - Proseguono i lavori di adeguamento strutturale dell'ospedale Maggiore di Trieste con un investimento di 3 milioni di euro dei quali 1,4 rientrano nei fondi Por Fesr, asse III misure di contenimento energetico, e vanno a completare la riqualificazione degli ospedali con un abbattimento dei consumi di circa il 25%, garantendo conseguenti minori emissioni in atmosfera. "Si tratta di un appalto bandito a luglio del 2018 - ha precisato il vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi - che prevede il rifacimento dei serramenti, delle facciate e della copertura dell'ospedale Maggiore, lati via Pietà e piazza Ospedale, per completare il lavoro di ristrutturazione iniziato svariati anni fa". A differenza dei precedenti lotti del 2000 e del 2007, in questo caso si interverrà, per il momento, esclusivamente sulle parti esterne dell'edificio. "Occorre sottolineare - ha aggiunto Riccardi - che il risultato del miglioramento ambientale è derivato sia dall'intervento sull'involucro che sarà oggetto di questo appalto sia dall'efficientamento delle centrali termiche e frigorifere, dei corpi illuminanti, dei pannelli fotovoltaici e dei sistemi di regolazione che erano già stati inseriti in contratti precedenti". Dopo l'aggiudicazione dell'appalto e le consuete verifiche amministrative, il contratto è stato perfezionato e, con l'approvazione del progetto esecutivo. i lavori potranno iniziare. Il verbale di consegna dei lavori è stato sottoscritto in questi giorni. L'impresa ora ha a disposizione un anno e mezzo per completare l'intervento. La prima azione visibile sarà la realizzazione del ponteggio. Per i lavori di rifacimento della copertura e delle facciate non ci saranno interferenze con le attività sanitarie, mentre per la sostituzione dei serramenti è stato condiviso un piano con la direzione medica di presidio che consenta di operare senza disservizi per i cittadini. Per poter seguire meglio le esigenze sanitarie è stato scelto di mantenere internamente l'intera squadra della direzione dei lavori. "Questo è un ulteriore passaggio che conferma l'importanza del Maggiore - ha concluso il vicegovernatore - determinata dalla sua centralità e dal valore della sua storia per la città. Nella riforma in via di definizione, il Maggiore acquisterà un ruolo e un'identità precisa che ne valorizzerà la vocazione di ospedale cittadino, capace di dare risposte appropriate al territorio nel quale è inserito".