Fvg, Riccardi: approccio è dialogo con associazioni volontariato

Fdm

Udine, 19 dic. (askanews) - "Il nostro approccio è sempre improntato al dialogo e al confronto. Anche partendo da posizioni diverse. Come è stato fatto con la riforma sanitaria, l'obiettivo è quello di cercare con i portatori di interesse un punto di condivisione e di sintesi". Lo ha detto oggi a Udine il vicegovernatore con delega alla Salute del Friuli Venezia Giulia, Riccardo Riccardi, nel corso dell'incontro con il Comitato del volontariato, convocato con all'ordine del giorno l'individuazione degli ambiti di intervento sui quali agiranno i bandi regionali. Riccardi, ringraziando i rappresentanti del volontariato per il lavoro svolto a favore della comunità regionale, ha ribadito la volontà di raccogliere tutte le osservazioni che saranno presentate dal Comitato, "le quali - ha aggiunto - verranno tenute in considerazione dalla Giunta regionale, essendo essa deputata a deliberare in materia". Tornando al ruolo del volontariato, Riccardi ha spiegato come il cosiddetto Terzo settore sia stato riconosciuto quale soggetto strategico all'interno della norma che ha riformato il sistema sanitario regionale. "Proprio alle associazioni - ha detto il vicegovernatore - dobbiamo l'emersione di un insieme di fragilità e di criticità, appartenenti alla dimensione sociosanitaria, che altrimenti sarebbero rimaste nascoste e senza una risposta da parte degli enti territoriali". Riccardi ha anche ricordato il primato del Friuli Venezia Giulia, che può vantare il più alto numero di persone impegnate nel volontariato in rapporto al numero di abitanti. "Anche per questo - ha concluso - nell'atto di vedermi attribuita a pieno titolo questa competenza, prima condivisa con l'assessore Roberti, ho avvertito la responsabilità, e anche l'onore, di dovermi occupare di una realtà che reputo essere - ha concluso - uno dei pilastri di tutte quelle articolazioni, pubbliche e private, che contribuiscono a tenere unita e solidale la nostra società".