Fvg, Riccardi: finanziato trasporto ospiti centro diurno Chiabà

Fdm

Udine, 26 set. (askanews) - "Alle richieste, legittime, di chi chiede di non abbandonare i malati e i famigliari che ogni giorno lottano per la loro dignità, occorre rispondere con fatti. Per questo oggi possiamo rassicurare anche le famiglie dei malati che frequentano il centro diurno della ASP Chiabà il finanziamento che farà ripartire il servizio di trasporto per i loro cari è stato concesso". Lo afferma il vicegovernatore con delega alla Salute Riccardo Riccardi, aggiungendo che "questa non è solo una risposta a un bisogno ma è un indicatore della battaglia di civiltà nella quale occorre impegnarsi per avvicinare le esistenze di tutti, in qualsiasi modo esse si presentino".

"Ci siamo impegnati con la Direzione centrale salute - continua Riccardi - a far si che anche questa importante esperienza della ASP Chiabà potesse trovare risposta nelle linee di contributo per il trasporto delle persone con diverse abilità". Riccardi ribadisce che il tema della demenza, e in particolare quello dei malati di Alzheimer, è uno temi sui quali si sta concentrando l'attenzione della Regione, anche attraverso nuove forme di sperimentazione. Anche per questo motivo il contributo per il trasporto dei malati che frequentano il centro diurno della azienda pubblica di servizi alla persona Chiabà di San Giorgio di Nogaro, nella sua specificità, rappresenta un tassello importante di una risposta più grande che la Regione sta elaborando.

Il contributo per il trasporto degli ospiti della Chiabà ammonta a circa 14mila euro e fa parte di un più ampio piano di contributi per il trasporto di persone con diverse abilità che interessa 23 soggetti beneficiari per un importo complessivo di 475mila euro.

"Quello del trasporto è un elemento di oggettiva priorità - conclude Riccardi - perché incide sul bilancio di famiglie che, come nel caso della demenza, sono già provate dai costi, non solo economici, dell'assistenza".