Fvg, Riccardi: punto prelievi a Sappada dà risposte a territorio

Fdm

Trieste, 19 set. (askanews) - "Con il punto prelievi che abbiamo inaugurato a Sappada non è stata aperta solo una porta di accesso facilitata al servizio sanitario, strategica per rispondere ai bisogni delle persone sul territorio, ma abbiamo voluto dare anche una risposta alla montagna, il cui ecosistema sociale ha bisogno di maggiori attenzioni e cure per essere protetto nella sua integrità e vivibilità". È quanto dichiarato dal vicegovernatore del Friuli Venezia Giulia con delega alla Salute, Riccardo Riccardi, a margine della cerimonia di inaugurazione del nuovo Punto prelievi, tenutasi questa mattina a Sappada (Udine) alla presenza, tra gli altri, del sindaco Manuel Piller Hoffer e del suo vice Marco Rossa.

"Sono i servizi di prossimità come il punto prelievi appena inaugurato - ha continuato Riccardi - a rappresentare un pilastro importante per il nostro sistema della salute". Per il vicegovernatore, su tutto il territorio ma in particolare nelle aree più fragili come la montagna, "vogliamo dare concretezza a una nuova cultura dei servizi sanitari per renderli più vicini alle persone. L'obiettivo è di ridurre quanto più possibile i disagi e dare risposte appropriate ai bisogni degli utenti. Vogliamo educare i cittadini a superare la cultura ospedale-centrica per trovare le risposte nel loro territorio di riferimento".

"In questo progetto - ha sottolineato Riccardi - l'ospedale deve essere concepito come una fase del sistema salute, in grado di fornire soluzioni ai casi complessi durante la loro acuzie. Le altre risposte devono arrivare da una condivisa cultura della prevenzione e da una strutturata organizzazione della presa in carico successiva alle acuzie che - ha spiegato - permetta al paziente di mantenere i rapporti con il territorio, la famiglia e la comunità".

Quello di Sappada è uno degli esempi di attuazione di questa strategia. "La Regione - ha concluso Riccardi - ha perseguito questo risultato sostenendo economicamente il Comune che, in un'ottica di condivisione sociale e di partecipazione al progetto di salute pubblica, ha anche attivato la rete del volontariato per andare incontro ai bisogno dei propri cittadini".