Fvg, Rosolen: obiettivo garantire servizio asili nido di qualità

(Segue)

Trieste, 4 nov. (askanews) - Accompagnare il processo di accreditamento dei servizi; perfezionare il livello del servizio offerto; chiarire canali e requisiti per ottenere i contributi; omogeneizzare lo standard dell'offerta qualitativa sul territorio regionale: sono gli obiettivi degli incontri di approfondimento per i gestori di asili nido in Friuli Venezia Giulia sui temi dell'accreditamento che si terranno giovedì 21 novembre a Trieste, dalle 16 alle 18, giovedì 28 novembre a Udine, sempre dalle 16 alle 18, e giovedì 5 dicembre a Pordenone nei medesimi orari.

"L'iniziativa - spiega l'assessore regionale alla Famiglia del Friuli Venezia Giulia, Alessia Rosolen - intende dare risposte chiare a chi gestisce gli asili e ai genitori dei bambini. Nel 2019 la Regione ha investito con convinzione sulle attività e sulle misure dedicate alla famiglia, puntando contestualmente a potenziare l'offerta dedicata e garantire un sostegno sempre più completo ai genitori".

"Massima attenzione - evidenzia Rosolen - è dedicata a tutti i servizi per l'infanzia e, in questa fase, stiamo raccogliendo dati e intensificando il confronto con le strutture di tutto il territorio. Agli incontri delle prossime settimane saranno invitati, oltre ai gestori dei nidi, i responsabili dei Comuni e dei servizi sociali attualmente impegnati nel processo di accreditamento delle strutture".

"L'accreditamento per i servizi all'infanzia, avviato per la prima volta in regione a gennaio 2019, rappresenta - secondo l'assessore - un'importante fase di confronto e di progettazione con i soggetti gestori dei servizi educativi per l'infanzia per garantire alle famiglie del territorio regionale un sistema di servizi a sostegno della cura e dello sviluppo educativo dei loro figli. Questo sistema è caratterizzato da una robusta offerta a livello di ricettività e da un'ampia gamma di servizi flessibili che rispondano alle diverse necessità dei tempi di lavoro e da un omogeneo livello di qualità. La rilevazione sul sistema dei servizi, aggiornata allo scorso 31 dicembre, evidenzia la presenza di 275 strutture autorizzate in regione".