Fvg, Zanin: dal passato importanza libert per giovani

Fdm

Trieste, 12 giu. (askanews) - " giusto essere oggi a Trieste per ricordare quanto accadde 75 anni fa perch la storia deve andare avanti ma senza dimenticare. Le nuove generazioni siano testimoni, anche a nome di chi non c' pi, che la libert vince sul terrore e sulla prevaricazione". quanto ha espresso il presidente del Consiglio regionale del Friuli Venezia Giulia, Piero Mauro Zanin, a margine della cerimonia che, alla presenza delle autorit civili, militari e religiose della comunit locale ma anche regionale, si svolta con l'alzabandiera in piazza dell'Unit d'Italia per la Giornata della liberazione della citt di Trieste dall'occupazione jugoslava.

una data in cui si ricorda quando, il 12 giugno 1945, le truppe del IX Korpus dell'Esercito popolare di liberazione della Jugoslavia (Epj), che il 1 maggio avevano occupato Trieste proclamandone l'annessione alla Jugoslavia, furono costrette a ritirarsi dopo l'accordo di Belgrado del 9 giugno, ratificato due giorni dopo a Duino, in base al quale la Venezia Giulia veniva divisa in due zone dalla cosiddetta linea Morgan, provvisoriamente occupate, in attesa dei trattati di pace, dagli eserciti anglo-americano da una parte e jugoslavo dall'altra.

"Il pensiero deve andare oltre - ha rimarcato Zanin, presente anche alla uguale commemorazione che per la prima volta si tenuta pure a Gorizia -. Da questa piazza si alzi il monito ai giovani affinch siano artefici del proprio futuro e padrone della propria vita".