G.Costiera, 170 ton di pesce sequestrato dal 1 dicembre, quasi 7mila verifiche in tutta Italia

·1 minuto per la lettura

Centosettanta tonnellate di prodotto ittico sequestrato in 20 giorni, dal primo dicembre a oggi. Oltre 600mila euro di sanzioni in 6.862 verifiche effettuate in tutta Italia. Sono i numeri del dispositivo operativo messo in campo per l’operazione Atlantide e coordinato dal Centro Nazionale di Controllo Pesca del Comando Generale della Guardia Costiera di Roma illustrati questa mattina nella Sala Cavour del Mipaaf alla presenza del senatore Francesco Battistoni, Sottosegretario di Stato con delega alla pesca marittima e all’acquacoltura.

"Sono i risultati di una azione quotidiana per bloccare qualsiasi tipo di utilizzazione non corretta del pescato non conforme alle norme. Gli italiani - rassicura all’Adnkronos l’Ammiraglio Nunzio Martello, capo reparto personale del Comando Generale - possono stare tranquilli, in questo periodo ancora di più".

Tra le operazioni portate a termine in questi giorni quella che a Barletta ha permesso di sequestrare un deposito di prodotto scongelato scaduto da mesi, 40 tonnellate di pesce pronto a esser venduto nel mercato locale. E poi 16mila ricci sequestrati a Civitavecchia, ostriche con etichetta postuma a Monopoli e 20 tonnellate di tonni in cattivo stato di conservazione bloccati in tempo a Palermo prima che potessero finire sulle tavole dei consumatori.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli