G20 deve fare il possibile per libertà e diritti donne afghane - Draghi

·1 minuto per la lettura
Il presidente del Consiglio Mario Draghi a Roma

MILANO (Reuters) - Il G20 può svolgere un importante ruolo nella lotta contro le disuguaglianze e la parità di genere, e in particolare deve fare il possibile per la libertà e i diritti fondamentali delle donne afghane alla luce della crisi in corso nel paese.

E' quanto ha detto il premier italiano Mario Draghi nel messaggio di apertura della conferenza sulle donne nell'ambito dei lavori del G20 a presidenza italiana in corso a Santa Margherita Ligure.

"Il G20 deve fare tutto il possibile per garantire che le donne afghane mantengano le loro libertà e i loro diritti fondamentali, in particolare il diritto all'istruzione. Le conquiste raggiunte negli ultimi vent'anni devono essere preservate", ha detto Draghi.

Il presidente del consiglio ha sottolineato che la riunione di oggi del G20 ha assunto un carattere di maggiore urgenza alla luce della crisi in Afghanistan.

"Non dobbiamo illuderci: le ragazze e le donne afghane sono sul punto di perdere la loro libertà e la loro dignità, di tornare alla triste condizione in cui si trovavano vent'anni fa", dice.

"Rischiano di diventare ancora una volta cittadine di seconda classe, vittime di violenza e di discriminazioni sistematiche, soltanto per il fatto di essere donne", aggiunge.

(Andrea Mandalà, in redazione a Roma Stefano Bernabei)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli