G20, flashmob di Oxfam, Emergency e Amnesty: vaccinare il mondo

·1 minuto per la lettura
featured 1533164
featured 1533164

Roma, 29 ott. (askanews) – Alla vigilia del G20 a Roma, flashmob di Oxfam, Emergency e Amnesty International, membri della People’s Vaccine Alliance, per lanciare un appello ai leader mondiali affinché venga garantito l’accesso globale ai vaccini anti-Covid.

Sara Albiani, policy advisor sulla salute globale di Oxfam Italia: “Siamo qui per denunciare l’inazione del G20 fino ad oggi sulla risposta alla scandalosa disuguaglianza nei vaccini, basti pensare che nei paesi a basso reddito meno del 2% della popolazione è stata vaccinata e nei paesi ricchi siamo al 60%,; chiediamo ai leader di agire per un vaccino di tutti e di tutte e di sostenere la proposta presentata oltre un anno fa da Sudafrica e India sulla sospensione dei brevetti, di promuovere la condivisione di tecnologie e know how, di investire in centri vaccinali nei paesi in via dei sviluppo e redistribuire le dosi di vaccino che si sono accaparrati i paesi più ricchi, perché ovviamente le case farmaceutiche preferiscono vendere a chi può offrire di più”.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità pochi giorni fa ha ricordato che “senza un cambio di rotta radicale la pandemia continuerà a fare vittime e aumenterà il rischio di pericolose varianti” hanno dichiarato le tre organizzazioni.

Pietro Protasi, responsabile coordinamento volontari Emergency: “Vogliamo mettere i ai capi di stato e di governo del G20 davanti alla responsabilità che hanno nella diffusione del vaccino a livello mondiale. Noi cerchiamo di stimolare il nostro governo in particolare in quanto presidente di questa sessione del G20, a mettere in atto una serie di operazioni per poter dare disponibilità anche a chi non ce l’ha di vaccinarsi”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli