G20, impegno a 'pieno finanziamento' piano Oms per acquisto vaccini e farmaci Covid - bozza

·2 minuto per la lettura
La parola Covid-19 riflessa in una goccia sull'ago di una siringa

BRUXELLES (Reuters) - I leader delle nazioni del G20 si impegneranno per la prima volta a finanziare completamente un programma dell'Organizzazione mondiale della sanità per distribuire vaccini e farmaci anti-Covid ai Paesi più poveri, una mossa che sbloccherebbe circa 20 miliardi di dollari.

È quanto si legge nella bozza delle conclusioni di un vertice del gruppo.

Il documento, soggetto a modifiche prima del vertice globale sulla salute che si terrà a Roma il 21 maggio, afferma inoltre che i leader delle 20 maggiori economie mondiali si sono impegnati ad agire con urgenza quest'anno per aumentare la capacità di produzione delle tecnologie anti-Covid, ma non menziona deroghe ai brevetti sui vaccini.

Secondo la bozza, i leader esprimeranno per la prima volta un impegno esplicito "per un finanziamento equo e completo della strategia Access to Covid-19 Tools Accelerator (ACT-A), che è il programma dell'Oms che mira a rendere i vaccini, i farmaci e i test Covid-19 disponibili per tutti nel mondo.

Il progetto è stato lanciato nell'aprile 2020 ed è ancora ampiamente sottofinanziato. Degli oltre 34 miliardi di dollari richiesti per sviluppare, approvvigionare e distribuire il vaccino e i farmaci anti-Covid in tutto il mondo, mancano ancora 19 miliardi di dollari.

In alcune dichiarazioni precedenti, i leader del G20 hanno detto che avrebbero affrontato le esigenze di finanziamento globale, ma si sono astenuti dal prendere qualsiasi impegno finanziario definitivo.

Ieri i ministri degli Esteri del G7, il gruppo delle nazioni più industrializzate, che fanno tutte parte del G20, hanno ribadito la volontà di sostenere finanziariamente il programma, senza però affermare che ne copriranno interamente le spese.

La bozza sarà discussa oggi durante una riunione di diplomatici ed esperti che stanno preparando il vertice del G20.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi, alice.schillaci@thomsonreuters.com, +48587696614)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli