G20: Londra smentisce Parigi, nessun passo avanti su dossier pesca

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 31 ott. – (Adnkronos) – Londra smentisce Parigi che – dopo l'incontro fra Boris Johnson e Emmanuel Macron a margine del G20 di Roma – aveva parlato di un percorso comune definito fra i due leader per risolvere la crisi bilaterale sul dossier pesca, che è collegata alle problematiche post-Brexit.

Fonti vicine all'Eliseo avevano affermato dopo l'incontro che i due avrebbero raggiunto un accordo su un percorso per fermare l'escalation della disputa sulla pesca, che ha spinto Parigi a minacciare barriere commerciali contro quella definisce una assegnazione ingiusta delle licenze post-Brexit per pescare nelle acque del Regno Unito. Addirittura da parte francese si è parlato di una intesa su "misure pratiche e operative" per risolvere la controversia , ipotizzando una possibile "de-escalation nelle prossime ore".

Ma sempre a Roma – riportano fonti di stampa britanniche – un portavoce di Johnson ha negato che fosse stato raggiunto alcun accordo o che ci fossero persino ipotesi formali di ulteriori colloqui per discutere della situazione. “Spetterà ai francesi decidere se vogliono procedere con le minacce che hanno fatto nei giorni scorsi circa la violazione dell'accordo sulla Brexit. Naturalmente, lo saremmo lieti se volessero ridurle" ha detto. "La posizione in cui ci troviamo è che il governo francese ha lanciato una serie di minacce su ciò che farà e ha imposto una propria scadenza. Spetta ora a loro decidere se desiderano recedere da quella posizione, ma la nostra non è cambiata" ha concluso il portavoce.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli