G20, prima giornata. Bloccato corteo vicino zona rossa (DIRETTA)

·2 minuto per la lettura
Agenda G20 (Photo: g20.org)
Agenda G20 (Photo: g20.org)

Prende ufficialmente il via a Roma il G20 a presidenza italiana. Tra i Grandi della Terra, l’accordo sul clima è in bilico per l’irremovibilità della Cina sui tempi per portare a zero le emissioni. Il 2050 è la data ultima per Europa e Usa, dieci anni più tardi per Pechino, ma anche Russia e paesi emergenti che usano di più fossile. Sos di Boris Johnson, in un’intervista alla Repubblica: “Ricordiamoci come cadde l’impero romano”. Joe Biden, che ieri ha incontrato Papa Francesco, Mario Draghi e Sergio Mattarella - ma anche Emmanuel Macron, per sancire la pace fra Usa e Francia dopo il caso dei sottomarini a propulsione nucleare - chiederà più equilibrio nel mercato dell’energia, spingerà sulla minimum tax, in base a cui i colossi aziendali pagherebbero aliquota minima del 15%.

ore 9.00 Bloccato corteo vicino alla zona rossa. Roma è blindata e si prepara a gestire due giornate delicatissime con migliaia tra militari e forze dell’ordine. Area massima sicurezza all’Eur, dove si trova la Nuvola, sede del vertice. Lamorgese: “Ce l’abbiamo messa tutta affinché vada nel migliore dei modi”. Prima protesta di prima mattina sulla via Cristoforo Colombo a Roma vicino alla zona rossa. In 50 del Climate camp hanno bloccato il traffico, sedendosi al centro della carreggiata. Le forze dell’ordine hanno sgomberato i manifestanti, che si sono lasciati sollevare di peso facendo resistenza passiva. “Se non cambierà bloccheremo la città”, urlano gli attivisti del clima. Sul posto blindati e agenti in tenuta anti sommossa. “La catastrofe arriva, è tempo di agire” e “Da Roma a Glasgow le vostre iniziative sono il problema” sono alcuni degli slogan scanditi dagli attivisti, che sono diretti al Ministero della Transizione ecologica, sempre scortati dalle forze dell’ordine. “Ci dirigiamo al Ministero che è l’esempio di quello che non vogliamo. Una transizione ecologicamente finta”, ha detto uno dei manifestanti. “Se non cambierà bloccheremo le città”, urlano i manifestanti.

Ore 10.00 Foto di famiglia.

Questo articolo è originariamente apparso su L'HuffPost ed è stato aggiornato.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli