G20: scontri tra manifestanti e forze dell'ordine a Venezia - FOTO

All'Arsenale di Venezia è in corso il G20 dell'Economia con i ministri dell'Economia e i governatori delle banche centrali. Nel tardo pomeriggio di sabato 10 luglio si sono verificati scontri tra centinaia di manifestanti e forze dell'ordine nell'area delle Zattere della città lagunare. Circa mille persone hanno tentato di sfondare il cordone di polizia e sono stati lanciati fumogeni e bottiglie di vetro.

La protesta (organizzata dal movimento No Grandi Navi) si è fermata davanti al 'muro' degli agenti in tenuta antisommossa che hanno disperso i manifestanti rispondendo al lancio di bottiglie, fumogeni e fuochi artificiali. L'azione dimostrativa, nelle intenzioni degli organizzatori, avrebbe dovuto raggiungere anche l'Arsenale, dove era in corso il summit, per dire no alle grandi navi, allo sfruttamento turistico della città lagunare e allo "strapotere della finanza fossile". 

Improvvisamente la marea umana si è mossa e ci sono stati i primi tafferugli con le forze dell'ordine. Il gruppo in testa al corteo ha cercato di sfondare la fila di poliziotti posizionati ai piedi del Ponte dell'Accademia. Sono volate bottiglie e molti arredi esterni degli hotel lungo il percorso. La polizia ha risposto con due cariche, riuscendo a far indietreggiare i manifestanti.

LEGGI ANCHE: G20 a Venezia, esplode la protesta

LEGGI ANCHE: G20, Gentiloni "Accordo storico sulla tassazione globale"

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli