G20 si impegnerà a ridurre tempistiche produzione vaccini durante pandemie - bozza

·1 minuto per la lettura
Centro Convention 'La Nuvola' all'Eur, dove si terranno alcuni degli incontri del G20

ROMA/BRUXELLES (Reuters) - I leader delle 20 principali economie al mondo si impegneranno con molta probabilità a sostenere gli sforzi per ridurre a 100 giorni il tempo necessario a sviluppare vaccini, medicinali e test durante le pandemie.

È quanto si legge in una bozza di documento congiunto.

In circostanze normali sono necessari oltre dieci anni per lo sviluppo dei vaccini, ma la pandemia di Covid-19 ha provocato una corsa senza precedenti per poter rendere disponibile i vaccini in meno di un anno.

I leader del G20 vorrebbero ridurre ulteriormente tale periodo.

Nelle situazioni di emergenza sanitaria causate da pandemie "sosterremo la scienza per poter ridurre il ciclo necessario allo sviluppo di vaccini sicuri ed efficaci, terapie e strumenti di diagnostica da 300 a 100 giorni", si legge nella bozza vista da Reuters che i leader del G20 si apprestano ad adottare nel weekend durante il vertice di Roma.

La bozza è ancora soggetta a cambiamenti dell'ultimo minuto, ma i funzionari hanno detto che tale impegno dovrebbe rimanere invariato.

(Tradotto in redazione a Danzica da Michela Piersimoni, in redazione a Milano Gianluca Semeraro, michela.piersimoni@thomsonreuters.com, +48 587696616)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli