G20, Talarico mette la cravatta al vertice

·1 minuto per la lettura

Le cravatte Talarico, una delle eccellenze del made in Italy, al prossimo G20 che si svolgerà a Roma: la presidenza del consiglio dei ministri, con la delegazione per la presidenza italiana del G7, ha scelto come doni istituzionali, per gli eventi di sabato e domenica, le creazioni degli artigiani Maurizio e Tiziano Talarico. Come fa sapere Talarico Cravatte, "Maurizio Talarico, fondatore della prestigiosa casa di moda, e Tiziano Talarico, figlio e amministratore dell’azienda, ringraziano la presidenza del consiglio dei ministri per aver scelto la loro azienda come simbolo di eccellenza per i cadeaux ai partecipanti del G20".

Per gli artigiani Talarico non è una novità essere protagonisti con i loro prodotti ad eventi internazionali. Tra i vari appuntamenti sono stati interpreti con le loro creazioni nel 2014 al vertice della presidenza italiana del consiglio dell’Unione Europea fino ad arrivare al G7 di Taormina nel 2017. Più recentemente hanno inoltre fornito i cadeaux alla presidenza del consiglio dei ministri per il G7 svoltosi in Inghilterra a giugno del 2021 ed ottobre 2021 per l’Expo, sempre in qualità di doni istituzionali.

I doni prevedono cravatte sartoriali e foulard, le prime realizzate con seta italiana pregiata in twill, fatte a mano, con la ormai famosa cucitura a forma di "X" simbolo della maison che certifica l’artigianalità dei prodotti. Le confezioni sono personalizzate con il logo del G20. "La Talarico Cravatte è fornitore di molti Capi di Stato e di personalità simbolo del buon gusto che ogni giorno scelgono un'azienda in continua espansione ed indossano cravatte e foulard come simbolo di eleganza e di stile tutto italiano, creati con materie prime italiane", fa sapere la stessa azienda made in Italy.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli