G7: accordo ministri finanziari su tetto a prezzi petrolio russo

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 2 set. (askanews) - I ministri finanziari del G7 hanno concordato di portare avanti un piano per formare un cartello degli acquirenti internazionali per limitare il prezzo del petrolio russo, accelerando uno sforzo ambizioso per evitare uno shock dei prezzi e prosciugare al contempo le risorse di guerra del presidente russo Putin

I ministri delle finanze del Gruppo dei 7 (Usa, Giappone, Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Canada) hanno dichiarato dopo una riunione virtuale che stanno definendo i dettagli del piano, che deve essere messo in atto entro l'inizio di dicembre, in vista dell'embargo dell'Unione europea sulle importazioni di petrolio russo e del divieto di assicurazioni e finanziamento delle spedizioni petrolifere russe. L'amministrazione Biden temeva che queste mosse potessero far salire alle stelle i prezzi dell'energia e potenzialmente far precipitare l'economia globale in una recessione.

Negli ultimi mesi, la segretaria del Tesoro Janet Yellen e il suo team - riporta il New York Times - hanno viaggiato per il mondo per consolidare il sostegno all'idea del price cap, una proposta non testata che mira a stabilizzare i mercati energetici volatili che sono stati sconvolti dall'invasione russa dell'Ucraina all'inizio di quest'anno. Una componente centrale di tali discussioni è stata come sarebbe stato fissato il prezzo e come sarebbe stato applicato.

Il limite di prezzo creerebbe un'eccezione nelle sanzioni europee consentendo agli assicuratori di concedere la copertura per il carico di petrolio solo se è stato venduto a un determinato prezzo o al di sotto. La Gran Bretagna e l'Unione Europea sono hub globali per il settore assicurativo marittimo e il divieto di assicurare o finanziare transazioni che coinvolgono petrolio russo potrebbe causare gravi interruzioni alle spedizioni di petrolio russo in tutto il mondo.

La ministra Yellen ha incontrato all'inizio di questa settimana Nadhim Zahawi, il cancelliere dello scacchiere britannico, e ha affermato di essere ottimista sui progressi che il G7 stava facendo verso un accordo sul prezzo massimo.

"In un momento in cui la guerra della Russia ha portato a prezzi energetici elevati a livello globale, penso che un tetto massimo di prezzo sia uno degli strumenti più potenti che abbiamo per combattere l'inflazione garantendo un flusso stabile di petrolio nei mercati globali a prezzi più bassi", ha affermato la Yellen.

Gli Stati Uniti hanno lavorato per ampliare la coalizione oltre il Gruppo dei 7, corteggiando attivamente il sostegno di nazioni come la Corea del Sud e l'India. Il mese scorso, il vice della signora Yellen, Wally Adeyemo, ha incontrato le controparti in India per discutere della sicurezza energetica globale e promuovere il concetto di price cap.

I funzionari dell'amministrazione Biden sperano che se una coalizione sufficientemente ampia accettasse il massimale dei prezzi, darebbe alle nazioni che non vogliono unirsi ufficialmente più potere contrattuale per negoziare prezzi più bassi con la Russia.

Non è chiaro come reagirebbe la Russia e se si vendicherà rifiutandosi di vendere il proprio petrolio per far salire i prezzi globali. Alexander Novak, vice primo ministro russo, ha dichiarato questa settimana che il paese non venderà prodotti petroliferi ai paesi che partecipano al limite di prezzo, secondo i media statali russi.

I funzionari dell'amministrazione Biden - citati dal New York Times - hanno affermato che la Russia sta bluffando perché ha bisogno delle entrate derivanti dalle vendite di petrolio. Consentire al suo petrolio di essere rinchiuso sarebbe anche dannoso per la sua economia, sostengono, danneggiando i suoi pozzi.

Dopo l'impennata all'inizio di quest'anno, i prezzi del petrolio sono crollati nelle ultime settimane a causa dell'aumento della produzione dagli Stati Uniti e delle preoccupazioni per un rallentamento economico globale.