G7: Boccia, 'passo importante ma ancora non è giustizia fiscale'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 5 giu. (Adnkronos) – "Dopo 8 anni dalla prima battaglia in Parlamento sulla web tax, fatta proprio in Italia, oggi finalmente ci siamo. È un passo importante ma non è ancora la giustizia fiscale che abbiamo il dovere di pretendere nella società digitale". Lo afferma Francesco Boccia, deputato del Pd e componente della segreteria nazionale.

"Fino a quando ci sarà un trattamento fiscale diverso tra le multinazionali del web e le piccole imprese dei singoli Paesi -aggiunge- ci saranno sperequazioni che abbiamo il dovere di combattere. Abbiamo perso otto anni di tasse eluse da parte delle multinazionali, di risorse che potevano essere utilizzate per rafforzare i servizi pubblici e, invece, sono finiti in conti off shore, spesso nell’indifferenza generale. Oggi, l'accordo al G7 su una tassazione minima a livello globale per i profitti delle grandi multinazionali possiamo ritenerlo un primo vero passo comune, un’opportunità per ridistribuire nuove risorse e ridurre le forti diseguaglianze che, nella società digitale, le Over the top (Ott) hanno acuito rispetto alle piccole e medie aziende nazionali".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli