G7 chiede "missione condivisa" internazionale per limitare crisi afghana

·1 minuto per la lettura
Il ministro degli Esteri britannico Dominic Raab a Londra

LONDRA (Reuters) - I ministri degli esteri del G7 hanno invitato la comunità internazionale a fornire una risposta unitaria alla crisi in Afghanistan per evitare che questa si aggravi ulteriormente.

"I ministri del G7 chiedono alla comunità internazionale di unirsi in una missione condivisa per evitare che la crisi in Afghanistan si aggravi", si legge in un comunicato diffuso dal ministro degli Esteri britannico Dominic Raab dopo una riunione dei ministri degli Esteri del G7.

La Gran Bretagna detiene attualmente la presidenza di turno del G7, che comprende anche Stati Uniti, Italia, Francia, Germania, Giappone e Canada.

"La crisi in Afghanistan richiede una risposta internazionale che includa un impegno intensivo sui temi critici che riguardano il paese e la regione: con gli afghani più colpiti, le parti in conflitto, il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, il G20, i donatori internazionali e con i vicini regionali dell'Afghanistan", afferma il comunicato.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Milano Sabina Suzzi)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli