G7, leader Ue hanno discusso di Cina e obiettivo vaccini per paesi poveri - Francia

·1 minuto per la lettura
Il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, il primo ministro canadese Justin Trudeau, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden e il presidente francese Emmanuel Macron

FALMOUTH, Inghilterra (Reuters) - I leader dell'Unione europea hanno convenuto che la Cina è allo stesso tempo un antagonista sistemico, un partner sulle questioni globali e un competitor, durante una riunione di coordinamento in vista del vertice del Gruppo dei Sette in Gran Bretagna.

Lo ha riferito la presidenza francese.

La questione verrà affrontata con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden durante il vertice, ha aggiunto l'ufficio di presidenza.

Inoltre, il presidente francese Emmanuel Macron, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il premier italiano Mario Draghi, nonché i vertici della Commissione e del Consiglio della Ue, hanno convenuto sulla necessità di intensificare gli sforzi per condividere i vaccini con i paesi in via di sviluppo.

I leader Ue hanno concordato anche un obiettivo di vaccinazione del 60% nel "sud" del mondo, in particolare in Africa, entro marzo 2022, ha riferito l'ufficio di Macron.

(Tradotto da Alice Schillaci in redazione a Danzica, in redazione a Milano Gianluca Semeraro)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli