G7: Pastorino (Leu), 'entusiasmo eccessivo su imposta per giganti web'

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 6 giu. (Adnkronos) – "La prima intesa su un'imposta per i giganti del web è sicuramente un momento importante. Rappresenta una buona notizia. Ma l'entusiasmo appare eccessivo, perché occorrono numerosi altri passaggi fondamentali, non proprio semplici, per rendere esecutivo il provvedimento". Lo afferma Luca Pastorino, deputato Leu e segretario di presidenza della Camera.

"Ci vorranno anni, è stato spiegato dagli autori della bozza. Si tratta -spiega- di una sorta di accordo post datato, che concede a queste grandi multinazionali la possibilità di continuare a macinare profitti senza versare, in maniera equa, quello che sarebbe giusto pagare fin da subito. A danno delle attività di prossimità, dei negozi di quartiere".

"La pandemia ci ha drammaticamente insegnato che le misure vanno assunte in maniera tempestiva. Lo abbiamo visto con le chiusure, per esempio. Una web tax, una digital tax, serve fin da subito per sostenere adeguati introiti agli Stati, che devono quindi supportare le economie duramente indebolite dal Covid-19. Non possiamo concederci un'attesa di anni", conclude Pastorino.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli