Gabanelli: 'Mio video manipolato da una parlamentare 5 stelle'

Milena Gabanelli (Screenshot Dataroom)

Tempo fa il Movimento 5 Stelle adorava Milena Gabanelli. La giornalista, ex conduttrice di Report, era stata proposta dal partito dei grillini come possibile candidata alla Presidenza della Repubblica. Una candidatura che la Gabanelli rifiutò, spiegando che non sarebbe stata adatta a ricoprire quel ruolo.

Ora, cinque anni dopo, Milena Gabanelli è al Corriere con la sua rubrica web Dataroom, e il Movimento Cinque Stelle è stato di gran lunga il primo partito alle elezioni, avendo superato la soglia del 30%. Non abbastanza per governare in autonomia, ma abbastanza per essere monitorato per quello che dice e che fa. E la Gabanelli non ha fatto sconti, nonostante gli attestati di stima passati, a una delle europarlamentari del Movimento che ha condiviso un suo video tagliando le parti critiche.

Più precisamente, la giornalista aveva pubblicato un video mettendo a confronto le diverse misure ipotizzate dai partiti per contrastare la povertà. Il reddito di cittadinanza del Movimento 5 Stelle è stata dunque analizzata dalla Gabanelli, che ne ha parlato sottolineandone gli elementi e mettendo in luce alcune criticità.

Anche Laura Ferrara, europarlamentare del M5S, pubblica il video su Facebook. Ma è un video monco, senza tutte le parti critiche. E la Gabanelli lo fa immediatamente notare, parlando di ‘manipolazione’ e di ‘scorrettezza’. In un commento a sua firma, la giornalista scrive: “Il video che avete pubblicato è diverso dall’originale. Avete tagliato alcune parti e, di conseguenza, il messaggio complessivo risulta alterato. Nessuno impedisce di pubblicare il video di Dataroom, ma modificarne il senso è scorretto”.

Ecco il videomessaggio di Milena Gabanelli:

Ed ecco il video originale che parla delle misure contro la povertà:

Laura Ferrara si giustifica, qualche ora più tardi, sempre su Facebook, dicendo che ha trovato il filmato ‘sulla rete’ e poi cercando di ribattere alle critiche della giornalista: “Ringrazio la Gabanelli e riposto il video originale. In merito ai 30 secondi tagliati alla fine del video – la cui mancanza, in tutta sincerità, non mi sembra arrivi a snaturare il contenuto del servizio! – colgo l’occasione per sottolineare come nel programma di governo del MoVimento 5 Stelle sia presente quel piano strutturato di cui la giornalista parla”.

Sul web si scatenano i commenti a favore dell’una o dell’altra, tra chi plaude alla ‘ritrovata’ equidistanza della giornalista e chi la critica per essere andata a cercare ‘il pelo nell’uovo’. La cosa certa è che in una società nella quale le fake news trovano terreno fertile basta un video tagliato in un certo modo per poter manipolare la realtà. E tanti saluti al controllo delle fonti.

Milena Gabanelli (foto LaPresse)