Gabbiani contro Airbus russo: costretto ad atterraggio d’emergenza

gabbiani contro airbus russo

Grande paura a bordo dell’Airbus A321 della compagnia Ural Airlines. Passeggeri ed equipaggio hanno vissuto momenti di puro panico, per quella che poteva trasformarsi in una tragedia. Fortunatamente, la lucidità e la freddezza del personale di bordo, ha evitato che l’incidente avesse conseguenze ben peggiori.

Stando a quanto riportato dal sito repubblica.it, l’aereo, in volo tra Mosca e Simferopol, una città della penisola della Crimea, capitale della Repubblica di Crimea, situata sulla riva del fiume Salgir, ha dovuto effettuare un atterraggio di emergenza dopo essersi scontrato con uno stormo di gabbiani, un cosiddetto “bird strike”. La manovra di atterraggio, secondo quanto riferisce l’agenzia russa Tass, è avvenuta in un campo di grano nelle vicinanze dell’aeroporto Zhukovsky, vicino alla capitale russa.

Gabbiani contro Airbus russo

Secondo i dati preliminari, raccolti dalla Federal Air Transport Agency, a bordo dell’Airbus A321 c’erano 226 passeggeri e sette membri dell’equipaggio. La maggior parte di loro non ha subìto ferite durante l’atterraggio d’emergenza a cui è stato costretto l’aereo. Infatti, al momento il bilancio, è di 23 persone ferite. Tra di loro sono presenti nove bambini di un’età compresa tra i due e i nove anni.

Sul luogo dell’atterraggio sono giunti i soccorsi e le autorità competenti. I primi per portare tutti i soccorsi necessari; i secondi per ascoltare le testimonianze dei passeggeri e, soprattuto, dei piloti e del personale di bordo in modo da avere qualche dettaglio in più e poter ricostruire la dinamica dell’incidente.