Gabriele Lavia: "Preparo un doppio Pirandello, in italiano e in siciliano"

·1 minuto per la lettura

Sarà 'Il berretto a sonagli' ma anche 'A birritta cu i ciancianeddi' a veder impegnato Gabriele Lavia - ora al teatro Quirino di Roma come regista e attore protagonista con 'Le leggi della gravità' tratto dal romanzo dello scrittore francese Jean Teulé, assieme alla compagna di vita e di palcoscenico Federica Di Martino - per la sua 'reductio ad unum' della commedia - che Luigi Pirandello scrisse prima in dialetto siciliano e poi in lingua italiana - che avrà per titolo 'Il berretto a sonagli - A birrita'. "A dicembre inizieremo le prove e il prossimo anno lo spettacolo andrà in scena", anticipa Lavia all'AdnKronos.

"Mescolerò le due versioni, quella italiana e quella siciliana: alcuni personaggi parleranno solo in lingua, altri solo in dialetto, altri ancora come il protagonista un po' in italiano e un po' in siciliano - spiega l'attore e regista - Questo adattamento comporta un lavoro molto lungo e fortunatamente si avvale della versione critica del siciliano molto bella di Sara Zappulla Muscarà, che mi è servito molto anche per alcune battute che originariamente erano state tagliate dall'allora capocomico Angelo Musco".

Ci fu anche una versione in dialetto napoletano del 'Berretto a sonagli', protagonista Eduardo De Filippo. "Sì, molto efficace: a Eduardo la diede proprio Pirandello e c'è una fotografia dei due che ritrae proprio l'incontro in cui parlano del 'Berretto a sonagli'...", ricorda Gabriele Lavia.

(di Enzo Bonaiuto)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli