Gaetano Curreri, come sta: gli Stadio rendono note le sue condizioni di salute

·1 minuto per la lettura
Gaetano Curreri come sta
Gaetano Curreri come sta

Dopo il malore accusato durante il concerto a San Benedetto del Tronto da Gaetano Curreri, gli Stadio hanno informato i fan sulle condizioni di salute del loro leader: l’artista è stato colpito da un infarto ma ora sta bene e ringrazia tutti per l’affetto.

Gaetano Curreri: come sta

Queste le loro parole: “L’abbiamo sentito via telefono e in queste ore difficili il vostro supporto ci ha aiutato tanto, vi teniamo aggiornati“. Anche la manager Laura Cordischi ha confermato la notizia smentendo l’ipotesi, circolata sulla stampa, che Curreri avesse avuto un ictus, forse basata sul fatto che nel 2003, sempre durante un concerto, lo aveva colpito.

Hanno aperto l’aorta, si è dovuto sottoporre ad un intervento ma ora sta bene ed è stabile. Rimarrà monitorato per altre 24 ore ma ha superato tutto brillantemente“, ha commentato. L’infarto, ha aggiunto, è stato preso in tempo e Gaetano lo ha superato brillantemente: “Grazie a Dio ci trovavamo nei pressi di un centro d’eccellenza“. Ha poi spiegato che l’uomo è sempre rimasto cosciente, cosa confermata anche dai compagni di band che hanno affermato di averlo trovato bene e molto tranquillo.

Gaetano Curreri, come sta: è in terapia intensiva

Il cantante si trova attualmente ricoverato nel reparto di terapia intensiva dell’ospedale Mazzoni di Ascoli Piceno, dove i medici lo terranno controllato ancora per un giorno. Lo staff degli Stadio ha pubblicato sui canali social ufficiali della band anche una nota stampa in cui fanno sapere che Curreri, che hanno sentito via telefono, ringrazia tutti per l’affetto e le belle parole spese per lui. “Ci uniamo anche noi ai suoi ringraziamenti che condividiamo pienamente, in queste ore difficili ci avete aiutato“.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli