Galileo Galilei: la biografia e le scoperte dello scienziato

galileo scoperte

Galileo Galilei è stato uno degli uomini più importanti della storia. Stiamo parlando di un grande scienziato, di un filosofo e astronomo. Possiamo dire in maniera molto chiara ed evidente che le sue scoperte parlano al posto suo. Per conoscere meglio questo personaggio bisogna conoscerne la biografia, o almeno gli eventi principali che lo hanno riguardato.

Galileo Galilei: biografia breve

Galileo Galilei nasce a Pisa nel 1564. Dal punto di vista storico ci troviamo nella Toscana della Controriforma, un periodo molto particolare e complesso in cui non vi è una vera e propria libertà di espressione a causa della chiesa. Il padre, Vincenzo Galilei, era un musicista. Nonostante non fossero una famiglia nobile, il padre desiderava che Galileo avesse una formazione culturale all’altezza, e nel corso della propria vita farà di tutto affinchè ciò accada; mentre la madre desiderava per il proprio figlio un futuro nella mercanzia.

La “scuola” di una volta prevedeva (almeno nella prima parte) un’ampia conoscenza del greco e del latino (in particolare dei classici). Solo dopo, all’età di 12-13 anni Galileo si appassionò alla matematica e ai suoi misteri. Infatti, Galileo decise di intraprendere la strada per diventare medico (a suo malgrado) pur di non fare il mercante. Solo più tardi, grazie alla sua prima scoperta scientifica (rigurdante il movimento del pendolo) riuscì a convincere il padre e ad affiancare agli studi di medicina quelli di algebra, geometria e astronomia.

Il rapporto con la Chiesa

Nel corso del tempo Galileo fece numerose scoperte, attraverso l’utilizzo di strumenti da lui stesso inventati. Ma, dal punto di vista storico, era un periodo molto complesso. Infatti, tutti si muovevano contro Galileo e le sue idee in quanto erano anticonformiste. All’epoca vi era un lungo dibattito tra la teoria copernicana e tolemaica (Galileo accettava e divulgava la prima). Di recente, nel settembre del 2018, è stata ritrovata una lettera eretica di Galileo Galilei che ha fatto chiarezza sulla questione.

A questo punto Galileo fu portato davanti al tribunale del Sant’Uffizio per poter abiurare le proprie teorie. Mentre Giordano Bruno fu fedele alle proprie idee (e proprio per questo fu condannato al rogo poco prima), Galileo, preso dal panico, decise di accettare questo compromesso. Ecco perchè fu scomunicato per ben due volte dal Sant’Uffizio, e per ben due volte dovette rifiutare le proprie idee. Nonostante ciò continuò a realizzare scritti riguardante questi argomenti, senza però avere la possibilità di pubblicarli in vita.

Le scoperte più importanti

Galileo è stato molto importante in diversi settori dello scibile umano: sia come filosofo che come matematico che come astronomo. Attraverso le proprie scoperte ha contribuito a diffondere la verità. Tra le scoperte più importanti ritroviamo il telescopio. Attraverso questo strumento potè finalmente guardare le stelle da vicino. Proprio quest’oggetto lo portò alla scoperta dei satelliti di Giove.

Questa novità gli causò non pochi nemici, poichè mentre Aristotele riteneva che la Terra fosse al centro e tutte le altre stelle e pianeti le girassero intorno,Galileo dimostrò che, così come la Terra aveva il proprio satellite (ossia la Luna), anche Giove lo aveva. Inoltre, sempre attraverso il telescopio, osservò la faccia crepuscolata della Luna (all’epoca ritenuta perfetta sempre dalle teorie di Aristotele), oppure le fasi di Venere. Questo grande uomo ha contribuito, innanzitutto, alla scoperta della verità.