Gallera, Burioni 'corregge' e spiega

webinfo@adnkronos.com
Gallera, Burioni 'corregge' e spiega

Roberto Burioni spiega e corregge Giulio Gallera. L'assessore al Welfare della Lombardia si è prodotto in una dichiarazione ormai celeberrima sull'indice di contagio del coronavirus: "0,51 cosa vuol dire? Per infettare me, bisogna trovare due persone infette nello stesso momento", ha detto Gallera.

VIDEO - La gaffe di Gallera

"Quel numero che abbiamo imparato a conoscere, il tasso di riproduzione, ci dice statisticamente quante persone infetta un malato. Se il numero è 0,5, vuol dire che 200 persone malate ne infetteranno 100. Ma l'effetto del contagio è sempre legato ad uno che incontra uno... Anzi: non sono 200 persone che ne infettano 100, probabilmente poche persone sono responsabili di moltissimi contagi", afferma Burioni, ospite di Che tempo che fa.  

Sull'epidemia, il virologo evidenzia che "la situazione sta andando molto meglio, siamo usciti da un periodo terribile. Abbiamo visto un momento di grande pericolo per la nostra comunità. Grazie a sacrifici spaventosi di ogni tipo, personali e economici, ne siamo usciti. Ora siamo come un paziente guarito da una bruttissima polmonite grazie ad una terapia dolorosa e impegnativa. Appena guarito, non lo mandiamo a sciare su una pista nera in cima ad una montagna. Gli chiediamo di stare riguardato nella convalescenza". "Conosciamo tutti i virus che affrontiamo, questo invece è nuovo. Dobbiamo essere cauti, sarebbe un peccato dilapidare i sacrifici fatti", ribadisce.