Gallera: "Obbligo mascherine nel Lazio? In Lombardia ha funzionato"

webinfo@adnkronos.com
·1 minuto per la lettura

"Vediamo cosa succede oggi e nei prossimi giorni. C'è un trend costantemente in miglioramento in Lombardia, il numero dei ricoverati ieri era 148. Ci sono regioni che hanno ricoveri maggiori della Lombardia, il numero delle terapie intensive" occupate da malati Covid "si riduce, quindi possiamo dire che la situazione è in miglioramento. Questo non vuol dire che il virus non gira". E' cauto l'assessore al Welfare della Regione Lombardia, Giulio Gallera nel commentare la prima volta di un bollettino quotidiano senza decessi, ieri 19 luglio.

"Noi stiamo facendo un'operazione di tracciamento e di tamponamento molto strutturata e ampia - spiega oggi a margine della presentazione del numero unico 116117 per le cure mediche non urgenti, che garantirà su tutto il territorio regionale l'accesso alla continuità assistenziale e ad altri servizi sanitari - Stiamo davvero setacciando il territorio e sicuramente oggi la situazione in Lombardia appare migliore".

In Lombardia l'ordinanza sulle mascherine obbligatorie, opzione al vaglio in queste ore nel Lazio, "ha funzionato", ricorda poi Gallera. "I cittadini lombardi sono stati ligi nel rispetto delle regole e devono continuare a farlo - spiega a margine della presentazione del numero unico 116117 per le cure mediche non urgenti, che garantirà su tutto il territorio regionale l'accesso alla continuità assistenziale e ad altri servizi sanitari - Se oggi siamo in una situazione migliore di altre regioni è anche perché qui abbiamo posto regole rigide che i cittadini hanno seguito con grande scrupolo". Dal 15 luglio, "abbiamo previsto la possibilità per chi cammina in strada, in un periodo di caldo, di non usarla - ricorda Gallera - ma resta come misura prudenziale all'esterno se non c'è distanziamento. Mantenere questa salvaguardia anche psicologica sta servendo", assicura.