Gallera: rallentare vita per rallentare diffusione virus

Mda

Milano, 7 mar. (askanews) - "La linea dell'incapacità del sistema sanitario di dare una risposta si avvicina drammaticamente. Rischiamo di arrivare a un punto di non poter dare giuste risposta e le cure a chi ne ha bisogno". Lo ha detto l'assessore al Welfare della Lombardia Giulio Gallera parlando in conferenza stampa a Milano. "Per questo abbiamo lanciato la campagna social con l'hashtag 'Fermiamolo insieme'. ma per fermarlo è necessario che ognuno di noi adotti stile di vita" più "consapevole", e "alcuni comportamenti" di rallentamento della vita sociale.

L'assessore ha quindi raccontato di aver visto oggi a Milano "centinaia di persone che camminavano felici. La positività non dobbiamo mai perderla - ha detto - ma dobbiamo avere la consapevolezza del momento che stiamo vivendo. E allora oggi quella gioia dobbiamo riservarla all'interno delle mura di casa, a una camminata solitaria, a una rarefazione della vita sociale. "Quel messaggio purtroppo oggi non è ancora passato". C'è quindi "l'assoluta necessità di rallentare la nostra vita per rallentare la diffusione del virus".

"Il problema - ha aggiunto - è che cosa succederà nei prossimi quindici giorni. Dipende da ognuno di noi, "Fermiamoli insieme" deve diventare una consapevolezza. I bar dovevano essere frequentati in maniera molto limitata - ha aggiunto - ma basta vedere quello che è successo oggi nei locali e sugli impianti sciistici: questo non è stato compreso. Il sistema - ha concluso - resisterà sse tutti assumeremo un atteggiamento consapevole e se il governo dar un segnale forte che il sistema istituzionale nel suo insieme ha chiesto".