Galles, lo spettrale ospedale per malati psichiatrici è in disuso dagli anni '90

·2 minuto per la lettura
Galles, manicomio abbandonato
Galles, manicomio abbandonato

A Denbigh, Galles, un manicomio abbandonato e in parte distrutto si staglia come una spettrale figura nella campagna. La struttura è nata nel 1848 per ospitare pazienti con disturbi psichici, a seguito di lavori per un ammontare di 27mila sterline.


Manicomio abbandonato, Galles
Manicomio abbandonato, Galles

Galles, lo spettrale manicomio abbandonato

Il manicomio sorge su di un terreno da 20 acri donato da Joseph Ablett di Llanbedr Hall e, oltre alle stanze per i pazienti, presenta anche una cappella e un’ala dedicata agli infermieri. La capienza inizialmente si aggirava sui 200 ricoverati, nella speranza che le persone venissero ammesse, curate e subito reintrodotte nella società, ma così non fu.

Manicomio di Denbigh
Manicomio di Denbigh

Il numero dei pazienti accettati iniziò a superare largamente quello dei dimessi o morti, causando sovraffollamento e richiedendo un’espansione della struttura tra il 1862 e il 1865. Nacquero così 150 posti letto in più, la Glanywern Hall e una fattoria annesse al manicomio, in seguito poi vennero aggiunti una casa per il soprintendente medico e ulteriori alloggi per lo staff, una mensa e una zona di isolamento, una nuova lavanderia e delle cucine.

Manicomio abbandonato
Manicomio abbandonato

Sotto la guida del Dr. Jones

A metà del 1950, nel manicomio ci potevano alloggiare 1.500 pazienti e 1.000 dipendenti. Dal 1913 al 1940, il soprintendente era un certo Dr.Jones, che seguiva un approccio liberale nei confronti della malattia mentale, preferendo attività fisiche come sport e lavoro nei protocolli di cura. C’erano persino eventi sociali come danze, concerti, pic-nic e piéce teatrali.

Manicomio, esterni
Manicomio, esterni

Nel 1995 chiuse l’unità principale del Denbigh Hospital ma il processo durò fino al 2002, gradualmente. Il sito venne venduto nel ’99 per 155mila sterline e da allora passò a diversi proprietari ma, per cause di forza maggiore o burocratiche, nessuno lo riqualificò. Dal suo abbandono, il manicomio è stato vandalizzato, saccheggiato e arso diverse volte.

Manicomio, interno
Manicomio, interno