Galli: "Non ho visto grande cambio di passo nella gestione della pandemia"

·1 minuto per la lettura
Galli reinfezioni vaccinati
Galli reinfezioni vaccinati

Il direttore del reparto di Malattie Infettive del Sacco Massimo Galli ha affermato che le reinfezioni da parte dei soggetti già vaccinati sono dovuti alla variante inglese: “Le segnalazioni ormai sono parecchie“.

Galli sulle reinfezioni dei vaccinati

Intervenuto nel corso della trasmissione Otto e mezzo in onda su La7, ha spiegato che i vaccini che stiamo utilizzando sono basati sul virus che circolava un anno fa e non qui. Per questo si verificano casi di persone vaccinate che risultano poi positive che, ha voluto rassicurare, “sono quasi tutte infezioni blande, niente di grave“.

I sieri a disposizione contro la mutazione britannica, ha continuato l’esperto, “funzionicchiano perché non ti portano più in ospedale, in rianimazione o al cimitero“. Chi prende il virus si ammala infatti in modo lieve. Con la vaccinazione, ha sottolineato, avremo una minore circolazione del virus ma è necessario fare in modo di imunizzare anche i giovani più rapidamente.

Per quanto riguarda il governo, Galli si è detto lieto che il Premier Draghi abbia accettato di prendere questa responsabilità per il paese anche se finora non ha visto “un grandissimo cambio di passo sugli interventi per la pandemia non l’ho visto“. La campagna vaccinale sta sì procedendo meglio ma a suo dire non siamo nella condizione di dire di aver messo in sicurezza tutti quelli che infettandosi rischiano di andare in ospedale o di morire.