Galli: "Speranza? Richiesta sfiducia strumentale, disgustato"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Massimo Galli "annoiato e anche abbastanza disgustato" rispetto alla richiesta di sfiducia al ministro della Salute Roberto Speranza, respinta oggi dal Senato. "L'argomento è assolutamente strumentale", spiega all'Adnkronos Salute il responsabile di Malattie infettive dell'ospedale Sacco di Milano. "Non è questo il momento in cui mettersi a pensare di cambiare ministro della Salute - ha osservato Galli - in una situazione in cui abbiamo bisogno di un'attività di Governo anche più incisiva di quanto abbiamo avuto fino adesso".

"Se vogliamo che le attività della giornata - come scuola, uffici, trasporti - continuino a funzionare non possiamo permetterci che ci sia la gente in giro anche la sera, senza limiti. Credo che il messaggio dato dalle limitazioni delle attività serali sia semplicemente questo. E' increscioso e triste che ci rimettano le persone che lavorano per le attività serali, è un dramma di cui mi rendo conto. Ma è stata operata una scelta, non solo in Italia ma in gran parte del mondo, che sacrifica alcuni movimenti delle persone per permettere degli altri. Non mi metto a discutere sulla bontà della scelta", ha quindi aggiunto Galli in merito all'eventuale allungamento dell'orario in cui è consentito rimanere fuori la sera e che non ama definire 'coprifuoco'.

"Parlerò di coprifuoco solo quando scriverò un romanzo storico", dice . "Il coprifuoco - ricorda - era l'avviso da parte del funzionario di città ai cittadini, l'avvertimento era: 'attenzione prima di andare a letto spegnete i fuochi, altrimenti avremo degli incendi'. Poi ha assunto altri significati nella storia. Nelle ultime guerre indicava la necessità che le luci non fossero viste dagli aerei nemici in città". E tutto questo "non ha niente a che fare con la pandemia", conclude Galli.