Gallo: M5s pronto, detrattori non si facciano illusioni

Pol/Luc

Roma, 28 gen. (askanews) - "D'ora in poi il M5S deve lavorare per avere un ruolo da protagonista nei cambiamenti locali". Lo dichiara Luigi Gallo (M5s), presidente della Commissione Cultura della Camera, in un'intervista rilasciata al quotidiano Il Mattino.

"Nei primi 10 anni - prosegue - ci siamo concentrati su temi e risultati nazionali, anche portando avanti riforme strutturali come il reddito di cittadinanza e la legge anticorruzione. Ora la sfida si sposta sui territori. Negli Stati generali si affronteranno anche i temi della riorganizzazione interna perché sia più funzionale a una rete capillare e così dare risposte veloci sul territorio e a una riorganizzazione che dia solidità alle battaglie dei nostri consiglieri regionali e comunali, ma sarà anche il modo per mettere al centro i temi che devono diventare la nuova narrazione a livello locale. Penso che la strategia dei rifiuti si realizzi a livello territoriale e così i progetti di bonifica per il dissesto idrogeologico, l'acqua pubblica, gli investimenti sul trasporto locale, questi temi devono tenere banco nei prossimi mesi. Da qui si riparte. Se ci sono diversità di opinione su punti nevralgici per il futuro del Movimento vanno risolte all'interno degli stati generali. Produrremo una trasformazione: siamo nati più di 10 anni fa con una struttura e regole adatte per la sfida che abbiamo già vinto: governare il Paese, fare riforme importanti. Oggi il M5S deve darsi quella organizzazione per produrre cambiamenti importanti anche nelle Regioni scegliendo di non essere soli nelle regioni. Al cittadino interessano le sfide da realizzare in 5 anni su sanità, rifiuti, trasporti, sviluppo. Servono 5 anni per le riforme, il governo andrà avanti. Il referendum ci permetterà di dimostrare che la stragrande maggioranza del Paese sta con noi. Agli stati generali molti temi saranno decisi e daranno lo slancio giusto per affrontare tutte le sfide dei mesi successivi. Il M5S è pronto, i detrattori non si facciano illusioni".