Garavaglia assolto

webinfo@adnkronos.com
I giudici della quarta sezione penale del tribunale di Milano hanno assolto "per non aver commesso il fatto" il viceministro leghista dell'Economia Massimo Garavaglia, accusato di turbativa d'asta, in qualità di ex assessore lombardo all'Economia, per una gara da 11 milioni di euro del 2014 per il servizio di trasporto di persone dializzate. Il pm Giovanni Polizzi aveva chiesto una condanna a due anni. "Sono felicissimo per lui" ha detto il difensore Jacopo Pensa, "perché hanno capito che è una persona perbene che non ha commesso nessun reato facendo una telefonata perché sollecitato dai suoi cittadini"."Diciamo che sono molto soddisfatto, forse non avrebbe dovuto neanche affrontare il processo perché quello che noi abbiamo detto in discussione, lo abbiamo detto anche in udienza preliminare e rappresentato al pm chiedendo di non rinviarlo a giudizio. Ha voluto affrontare e la causa ed è andata così", chiosa l'avvocato. Il pm di Milano Giovanni Polizzi aveva chiesto per Garavaglia una condanna a due anni.   Sempre i giudici di Milano hanno condannato, invece, a 5 anni e 6 mesi l'ex vicepresidente della Regione Lombardia Mario Mantovani per il quale il pm Giovanni Polizzi aveva chiesto una pena di 7 anni e 6 mesi. L'ex assessore lombardo, ex senatore ed ex sindaco, per l'accusa era "a capo" di un "sistema di favori" e gestiva un "groviglio di interessi pubblici e privati che si concentrava nella sua figura, un sistema gestito anche dal suo entourage e dalle sue persone di fiducia". Tre le assoluzioni per i 12 imputati.

I giudici della quarta sezione penale del tribunale di Milano hanno assolto "per non aver commesso il fatto" il viceministro leghista dell'Economia Massimo Garavaglia, accusato di turbativa d'asta, in qualità di ex assessore lombardo all'Economia, per una gara da 11 milioni di euro del 2014 per il servizio di trasporto di persone dializzate. Il pm Giovanni Polizzi aveva chiesto una condanna a due anni. "Sono felicissimo per lui" ha detto il difensore Jacopo Pensa, "perché hanno capito che è una persona perbene che non ha commesso nessun reato facendo una telefonata perché sollecitato dai suoi cittadini"."Diciamo che sono molto soddisfatto, forse non avrebbe dovuto neanche affrontare il processo perché quello che noi abbiamo detto in discussione, lo abbiamo detto anche in udienza preliminare e rappresentato al pm chiedendo di non rinviarlo a giudizio. Ha voluto affrontare e la causa ed è andata così", chiosa l'avvocato. Il pm di Milano Giovanni Polizzi aveva chiesto per Garavaglia una condanna a due anni.   

Sempre i giudici di Milano hanno condannato, invece, a 5 anni e 6 mesi l'ex vicepresidente della Regione Lombardia Mario Mantovani per il quale il pm Giovanni Polizzi aveva chiesto una pena di 7 anni e 6 mesi. L'ex assessore lombardo, ex senatore ed ex sindaco, per l'accusa era "a capo" di un "sistema di favori" e gestiva un "groviglio di interessi pubblici e privati che si concentrava nella sua figura, un sistema gestito anche dal suo entourage e dalle sue persone di fiducia". Tre le assoluzioni per i 12 imputati.