**Gay: Povia, 'adozioni gay? Con legge puoi fare tutto ma bimbo nasce da una mamma e un papà'**

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Roma, 1 apr. (Adnkronos) – La Cassazione ha riconosciuto le adozioni gay nel nostro paese? "Con le leggi si può fare tutto, ma non dimentichiamoci che dal giorno zero del mondo, i bambini nascono da un ovulo femminile e uno spermatozoo maschile, non lo dico io. Mettere di mezzo sempre l'amore sembra più una scusa ideologica". A parlare con l'Adnkronos è Povia, che commenta così la sentenza della Cassazione che ha riconosciuto la trascrivibilità delle adozioni gay in Italia.

"Personalmente -spiega il cantautore- credo che i bambini vorranno bene a chiunque li cresca con amore ma laddove è possibile, se possono crescere con una figura materna e una paterna è meglio, perché privare un bambino di una mamma o un papà antropologicamente non è corretto". Prima dell'amore "ci sono i ruoli, mamma e papà, poi le differenze, uomo e donna, la forza fisica diversa tra i due sessi e anche gli odori, del papà e della mamma", spiega.

In tema di genitorialità omosessuale, Povia fa poi un cenno alla pratica dell'utero in affitto: "Molte persone vanno all'estero a comprare bambini a km zero tramite gestazione di sostegno, e cioè utero in affitto, pagando 2 donne, una donatrice e una che porta a termine la gravidanza come hanno fatto Elton John o Ricky Martin o che so, Vendola. In Italia l'utero in affitto è reato, legge 40, c'è la galera", dice senza mezzi termini.