Gay a rischio Covid, Liguria chiarisce: "Errore nato da copia-incolla"

webinfo@adnkronos.com (Web Info)
·1 minuto per la lettura

Il caso in Asl 5 alla Spezia, che ha visto l'inclusione degli omosessuali tra i 'soggetti con fattori di rischio' nel quadro delle priorità delle vaccinazioni, è "un errore, derivato da un copia-incolla delle linee guida ministeriali". Lo specifica Regione Liguria dopo una prima indagine interna alla Asl interessata.

Da quanto spiega la Regione la tabella utilizzata, dalla quale emerge l’indicazione dei "soggetti con comportamenti a rischio", comprendendo ‘omosessuali’, ‘tossicodipendenti’ e ‘soggetto dedito alla prostituzione’, "è quella contenuta nelle linee guida attuali e vigenti che il ministero della Salute ha inviato alle Regioni e quindi alle Asl per tutte le vaccinazioni - si legge in una nota - Il documento, Anagrafe Nazionale Vaccini - Specifiche funzionali, è datato ottobre 2020".

"L’errore, che rimane inaccettabile, deriva quindi da un copia-incolla delle linee guida ministeriali - proseguono dall'ente - Regione Liguria si farà parte attiva perché la dicitura, ritenuta fortemente discriminatoria, venga eliminata anche da ogni documentazione nazionale".