Gaza, raid Israele su nave turca 2010, Corte l'Aia riapre il caso

Fth

Roma, 2 set. (askanews) - La Corte Penale Internazionale (CPI) ha ordinato oggi al pubblico ministero di riconsiderare la necessità di perseguire Israele per l'attacco contro una flottiglia umanitaria diretta a Gaza nel maggio 2010.

La procuratrice Fatou Bensouda aveva deciso nel 2014 di non perseguire Israele, considerando che i fatti non erano "abbastanza gravi" anche se si riteneva "ragionevole pensare" che fossero stati commessi crimini di guerra. Fatou Bensouda ha confermato la sua decisione nel 2017 anche dopo che l'CPI le ha ordinato di riconsiderare la sua posizione. Ma i giudici hanno deciso oggi in appello di dover riconsiderare la necessità o meno di fare causa a Israele davanti al tribunale dell'Aia. (Segue)