A Gaza un murales in onore della giornalista Shireen Abu Akleh

featured 1607606
featured 1607606

Roma, 12 mag. (askanews) – Un murales in onore di Shireen Abu Akleh, la celebre giornalista di Al Jazeera uccisa da un proiettile mercoledì a Jenin in Cisgiordania; crimine di cui i palestinesi accusano l’esercito israeliano.

Abu Akleh aveva 51 anni ed era uno dei volti più noti dell’emittente qatariota e del mondo dei media in Palestina, celebrata per il suo rigore e il suo coraggio. Molti la descrivono come un modello, soprattutto per le ragazze che vogliono avvicinarsi al giornalismo. “Vogliamo incarnare quello che accade in Cisgiordania e a Gerusalemme occupata” dice l’artista Asmaa Abu Hayya, “quello che fanno le forze di occupazione contro la gente e anche contro i giornalisti”.

Heba Akila è la corrispondente di Al Jazeera da Gaza. “Oggi il sangue di Shireen deve essere un messaggio serio per i palestinesi” dice “di tutte le fazioni e anche quelli all’estero oltre alle autorità competenti e alle ong, perché si condanni il suo assassinio. E’ un messaggio molto chiaro al mondo perché costringa Israele a rispettare la libertà di stampa, a proteggere i giornalisti, a seguire la legge e le convenzioni internazionali in materia”.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli