Gazprom: "Non garantiamo il funzionamento del gasdotto Nord Stream"

no credit

AGI - Gazprom ha dichiarato di non poter garantire la ripresa del corretto funzionamento del gasdotto Nord Stream, che serve l'Europa, affermando di non essere in grado di confermare che recupererà una turbina tedesca in riparazione in Canada.

"Gazprom non ha in suo possesso alcun documento che permetta a Siemens di portare il motore a turbina a gas fuori dal Canada", ha affermato l'azienda. Ottawa ha comunque affermato nei giorni scorsi di voler far tornare il pezzo a Berlino. "In queste condizioni - prosegue la nota dell'azienda - non è possibile trarre una conclusione oggettiva sull'evoluzione della situazione relativa all'esercizio in sicurezza" del gasdotto.

La richiesta di Bruxelles

La Commissione europea chiederà agli Stati membri di ridurre il consumo di gas, agendo anche sui termostati di riscaldamento e condizionamento, ma soprattutto risarcendo le industrie a cui verrà chiesto il taglio. È quanto apprende l'AGI dalle anticipazioni del piano emergenze che verrà presentato il 20 luglio.

L'obiettivo è attutire di almeno un terzo l'impatto che l'interruzione totale del gas russo potrebbe avere sull'economia europea. Tra le indicazioni vi saranno anceh quella di limitare il riscaldamento a 19 gradi e l'aria condizionata a 25. Inoltre le centrali elettriche a carbone otterranno una deroga per quanto riguarda gli obiettivi di emissioni. L'incentivo è comunque quello di passare quanto prima alle energie rinnovabili ma sara' possibile prorogare l'attività delle centrali nucleari.

Lo stato di emergenza in Ungheria

Le autorità ungheresi hanno annunciato l'introduzione dello "stato di emergenza nel settore energetico" per la crisi del gas e adottato una serie di misure restrittive, come riferito dal capo di gabinetto del premier Viktor Orban, Gergely Gulyas.

Come parte del piano d'azione previsto in queste condizioni, l'Ungheria vieterà le esportazioni di vettori energetici "nella maggior parte dei casi" dal 1 agosto e "cercherà anche di acquistare ulteriore gas naturale sul mercato per ricostituire le scorte".

Le misure, che includono anche un piano per aumentare la produzione domestica di gas a 2 miliardi di metri cubi da 1,5 miliardi, "entreranno in vigore da agosto per garantire la fornitura continua di energia in inverno", ha spiegato Gulyas, secondo il quale "è molto probabile che non ci sarà abbastanza gas in Europa nella stagione autunnale e invernale".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli