In Gb è arrivata l'osmia avosetta, l'ape turca che fa preoccupare gli entomologi

Una famiglia inglese di ritorno da un viaggio in Turchia ha riportato involontariamente in patria un'ape che, secondo gli esperti, può da sola mettere a repentaglio l'ecosistema e la sopravvivenza di diverse specie endemiche della Gran Bretagna."Il rischio è alto", ha spiegato il dipartimento per l'ambiente, fauna e flora inglese (Defra) al British Daily, sia perché siamo in piena estate, stagione di iperattività delle api, sia perché la Gran Bretagna è un'isola e proprio per questo ha sviluppato specie peculiari la cui esistenza è "a rischio" per l'arrivo della rara 'osmia avosetta'.

Quest'ultimo particolare tipo di ape si è integrato benissimo nel giardino della famiglia Toy, a Bristol, dopo essere finita per caso tra i bagagli di una vacanza nella località costiera di Dalaman, nel sud della Turchia. La presenza dello strano insetto non è passata inosservata agli occhi della signora Ashley e della figlia Amelia, che hanno visto la osmia avosetta e si sono rese conto, dopo una breve ricerca, che si trattava di una specie diffusa solo in Turchia e Iran, decidendo così di contattare le autorità.

Il pericolo per l'ecosistema inglese è tale che l'ape turca si è già guadagnata una sorta di pena di morte, che sarebbe stata già eseguita se non fosse che la famiglia Toy ha annunciato che l'ape è 'fuggita' dal giardino di casa. Ma può davvero una sola ape mettere a repentaglio l'ecosistema di un'isola come la Gran Bretagna? "Possibilità vicine allo zero", secondo l'esperto entomologo Tim Lovett, che sul Telegraph rassicura sui rischi legato all'arrivo di osmia avosetta."Si tratta di un solo esemplare - afferma Lovett - e per creare un rischio concreto avrebbe bisogno quantomeno di un partner con cui riprodursi: solo allora vi sarebbero rischi seri per l'ecosistema".

Per fortuna, insomma, che la famiglia Toy insieme ai soliti souvenir, non abbia riportato a casa una coppia di osmia avosetta, che avrebbe potuto approfittare per compiere una 'disastrosa' luna di miele.