Gb, Downing Street esclude giornalisti da briefing: è polemica -2-

Bea

Roma, 4 feb. (askanews) - Michelle Stanistreet, segretaria generale del sindacato dei giornalisti National Union of Journalists (NUJ), ha parlato di un "incidente molto allarmante", notando che il governo boicotta già alcuni programmi, rifiutandosi di mandare i suoi ministri al programma radio della Bbc "Today". "La squadra di Johnson deve finirla con questa paranoia e parlare con tutti i media, non solo i loro favoriti".

Oggi alla Camera dei Comuni l'episodio è stato dibattuto in aula, dove una serie di deputati laburisti, SNP, Lib Dem e alcuni Tory hanno espresso la loro preoccupazione per l'episodio. La ministra ombra della Cultura, Tracy Brabin, ha presentato un'interrogazione urgente, alla quale ha risposto la sottosegretaria Chloe Smith, che ha difeso l'istituto del briefing come modalità per informare un gruppo ristretto di reporter su temi tecnici, in aggiunta al briefing due volte al giorno che coinvolge l'intera "lobby", come viene chiamato il gruppo di giornalisti che segue il premier. (Segue)