Gb, invio migranti in Ruanda: ok ministra Interno malgrado dubbi dicastero

·1 minuto per la lettura
default featured image 3 1200x900
default featured image 3 1200x900

Londra, 16 apr. (Adnkronos) – La ministra britannica dell'Interno Priti Patel ha dovuto ricorrere alla rara procedura della "direttiva ministeriale" per l'approvazione del . La rivela la Bbc, spiegando che la ministra si è così assunta la responsabilità personale del progetto, dopo che i funzionari del dicastero avevano espresso dubbi sul piano di ricollocamento dei migranti nel Paese africano. E' solo la seconda volta in 30 anni che un ministro dell'Interno fa ricorso a questa procedura.

Il sindacato Pcs, che rappresenta i funzionari pubblici, ha definito "inumano" l'invio dei migranti in Ruanda. L'uso della "direttiva ministeriale", nota la Bbc, sottolinea la natura poco convenzionale del piano del governo. Oltre alle critiche sugli aspetti legali, morali e logistici del progetto, diversi funzionari del ministero hanno sottolineato che non vi è modo di quantificarne bene i costi. Il progetto pilota parte da 120 milioni di sterline e prevede che migranti entrati illegalmente in Gran Bretagna dopo il primo gennaio possano essere inviati in Ruanda, dove potranno chiedere di stabilirsi.

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli