Gb, omicidio parlamentare: procura generale somala valuta indagine

·2 minuto per la lettura

La Procura Generale somala sta considerando di aprire un'indagine sui possibili legami tra Ali Harbi Ali, il cittadino britannico di origine somala principale sospettato dell'omicidio di Sir David Amess, e il Galmudug, Stato federale di cui il padre è stato ministro ed il cui territorio è sotto il controllo dell'Isis, degli Al Shabab e di gruppi criminali dediti alla pirateria. E' quanto ha appreso l'Adnkronos da fonti in Somalia, mentre proseguono le indagini sull'accoltellamento a morte del parlamentare, avvenuto a Leigh-on-Sea, nell'Essex.

Il giovane sospettato, nello specifico, è figlio di un ex ministro del Galmudug, Xarbi Cali Kulane, e nipote dell'ambasciatore somalo a Pechino. "Si tratta dunque di un rampollo dell'alta società somala", possibilmente legato a un territorio che "in gran parte sfugge al controllo dello Stato", precisano le fonti.

In realtà Gran Bretagna e Somalia non hanno relazioni diplomatiche e quindi la cooperazione giudiziaria "appare difficile", evidenziano le fonti, secondo cui, tuttavia, la presenza militare britannica a Baidoa, può costituire un "canale di dialogo".

Mario Scaramella, che è consulente del governo somalo e dirige la scuola di diritto della Università Statale del South West State, evidenzia che "con la procura generale operiamo anche nel Galmudug, il cui territorio è diviso fra Isis, Al Shabab, ovvero il ramo locale di Al Qaeda, ed i pirati di Haradere. Il ragazzo che avrebbe assassinato Sir Amess a Londra avrebbe legami con questa regione".

"La sua famiglia - conferma - è una delle più importanti e ricche della Somalia. Su questa fortuna e sui legami fra il sospetto ed i suoi contatti nel Galmudug abbiamo chiesto al procuratore Sulayman di aprire un fascicolo". "Temiamo - aggiunge - che gli eventi afghani possano rinvigorire la propaganda qaedista all'interno della diaspora somala e guardiamo con preoccupazione alla situazione anche per quanto riguarda l'Italia", soprattutto alla luce del traffico di droghe narcotiche, "mai visto prima, ma oggi molto esteso fra Italia e Somalia".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli