Gb, quadro economico sempre più cupo, sterlina a picco a nuovi minimi

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Roma, 27 ago. (askanews) - Discesa apparentemente senza fine per la sterlina britannica verso nuovi minimi. Con la previsione di un'inflazione che supererà il 18% il prossimo anno e famiglie in tutto il paese che probabilmente saranno spinte verso la povertà energetica questo inverno, i problemi economici del Regno Unito stanno peggiorando di giorno in giorno. Il consenso tra gli operatori è che la Banca d'Inghilterra non avrà altra scelta che costringere l'economia a una grave recessione e causare diffuse perdite di posti di lavoro per frenare le pressioni sui prezzi.

Per la sterlina - riporta Bloomberg - nuovi minimi sono ormai vicinissimi. La valuta viene scambiata intorno a 1,18 dollari, a meno di 4 centesimi di dollaro dal suo livello più debole dal 1985 rispetto alla valuta Usa, segnalandondo le sfide che l'economia britannica e il prossimo primo ministro devono affrontare. La BOE prevede già una recessione che inizierà entro la fine dell'anno.

"C'è margine per ulteriori cali? Sì, assolutamente", ha affermato Geoff Yu, stratega valutario senior presso la Bank of New York Mellon Corp. "Anche se le cose migliorassero, la sterlina non può tornare al punto in cui era in passato di 1,40 o 1,45 dollari. Sarà molto difficile da raggiungere".

L'impennata dei prezzi dell'energia sta alimentando i mercati finanziari attraverso previsioni di inflazione più elevate, portando i trader a credere che la BOE dovrà essere più aggressiva. I mercati monetari ora mostrano le aspettative per un aumento dei tassi di interesse di riferimento del 4,25% l'anno prossimo, il più alto dal 2008. Questo fa salire anche i rendimenti obbligazionari, con i tassi a 10 anni che salgono al 2,59%.

Teoricamente, tassi più alti dovrebbero portare a una valuta più forte. Ma per il Regno Unito in questo momento è l'opposto. La convinzione tra gli investitori è che ulteriori aumenti aggressivi dei costi finanziari, necessari per ridurre la crescita dei prezzi, aggraverebbero il malessere economico della Gran Bretagna, lasciando il paese in una situazione peggiore rispetto agli Stati Uniti e alla regione dell'euro.

"I tassi non saranno sempre sufficienti per sostenere una valuta quando la compensazione crescita-inflazione è così negativa", ha affermato Kit Juckes, chief currency strategist di Société Générale SA a Londra.

L'inflazione nel Regno Unito ha raggiunto i massimi da 40 anni del 10,1% su base annua il mese scorso e la banca Usa Citigroup ha affermato che potrebbe superare il 18% a gennaio. Secondo la società di consulenza Baringa Partners, più della metà delle famiglie britanniche rischia di essere spinta verso la povertà energetica questo inverno a causa dell'aumento delle bollette.

I rendimenti delle obbligazioni benchmark a breve del Regno Unito, che sono le più sensibili ai cambiamenti nella politica monetaria - ricorda l'agenzia Bloomberg - sono pronte a salire di un record questo mese. I rendimenti a due anni sono aumentati di 111 punti base, portando gli oneri finanziari al 2,82%, il più alto dalla crisi finanziaria globale nel 2008.

La sterlina più debole è stata una spinta per i grandi esportatori del Regno Unito e l'indice FTSE 100 sta guadagnando lo 0,3% ad agosto. I timori di recessione stanno tuttavia pesando sulle società più piccole, trascinando l'indice FTSE 250 in ribasso del 4,6%.