Gb rinuncia ad azione contro Ryanair, British Airways per rimborsi passeggeri

·1 minuto per la lettura
Passeggeri in coda all'aeroporto City di Londra, dopo che alcune proteste hanno portato a ritardi nelle partenze

LONDRA (Reuters) - L'Antitrust britannico ha lasciato cadere l'azione contro e British Airways che non avevano offerto rimborsi ai passeggeri impossibilitati a volare a causa delle restrizioni per il Covid, sostenendo che la posizione legale non fosse chiara.

Durante i lockdown, invece di offrire rimborsi a chi non è riuscito a volare British Airways, di proprietà di Iag, ha offerto dei voucher o la possibilità di spostare la prenotazione, mentre Ryanair ha offerto solo la seconda opzione.

La Competition and markets authority (CMA) ha avviato un'azione contro le due compagnie aeree a giugno, sostenendo che i passeggeri che non avevano potuto utilizzare i voli prenotati per ragioni indipendenti dalla loro volontà dovessero ricevere dei rimborsi in contanti.

Ma oggi il garante ha spiegato che la legge non garantisce un diritto al rimborso sufficientemente chiaro ai passeggeri in circostanze tanto insolite.

Il Chief Executive Andrea Coscelli ha detto che l'autorità "è fermamente convinta" che i passeggeri dovrebbero ricevere un pieno rimborso.

"Tuttavia, dopo una attenta considerazione delle norme e raccogliendo prove nel corso della nostra inchiesta, siamo giunti alla conclusione che le tempistiche necessarie a risolvere questo caso in tribunale, e l'esito incerto, rendono ingiustificabile la spesa di ulteriori fondi pubblici".

Coscelli ha poi aggiunto che la Cma si augura che la legge venga chiarita.

(Tradotto da Luca Fratangelo in redazione a Danzica, in redazione a Roma Francesca Piscioneri, luca.fratangelo@thomsonreuters.com, +48587696613)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli