Gb rischia declino in stile italiano mentre crescono sfide economia - think-tank

·2 minuto per la lettura
Panoramica della City of London, distretto finanziario a Londra

LONDRA (Reuters) - La Gran Bretagna dovrà affrontare un decennio di importanti sfide di politica pubblica che potrebbero ridurre la sua performance economica a livelli più vicini a quelli dell'Italia che della Germania, prima potenza europea.

Lo sostiene un 'think-tank', The Resolution Foundation, secondo cui la Gran Bretagna deve risolvere i problemi legati a Brexit oltre a quelli che stanno affrontando altri paesi come l'impatto del Covid-19, la transizione a un'economia a zero emissioni nette di Co2, l'invecchiamento demografico e i cambiamenti tecnologici.

Senza piani appropriati, Londra ha rischiato di non riuscire ad affrontare la crescita della produttività più lenta da oltre 120 anni nello scorso decennio, e la disuguaglianza più elevata in Ue ad eccezione della Bulgaria, secondo il think-tank.

"Il recente picco minimo toccato in Gran Bretagna per produttività, stagnanti standard di vita ed elevata disuguaglianza rende auspicabile un nuovo approccio economico", ha detto Clive Cowdrey, fondatore di Resolution Foundation.

"Ciò che rende un nuovo approccio essenziale è la gravità del cambiamento all'orizzonte".

Il primo ministro Boris Johnson ha promesso di "migliorare", l'economia britannica puntando a investimenti e posti di lavoro in aree meno performanti rispetto a Londra e in altre aree intorno alla capitale. Ha anche parlato di una "Gran Bretagna globale" dopo l'uscita dall'Unione europea.

Tuttavia, secondo Resolution Foundation, Londra non ha un piano per raggiungere questi obiettivi nel prossimo decennio, e il paese rischia di sprecare i punti di forza economici come l'alto tasso di occupazione, ora a rischio a causa dell'aumento dell'automazione.

Dopo aver lanciato un'inchiesta congiunta con il Centre for Economic Performance presso la London School of Economics, la Resolution Foundation ha detto che l'Italia non ha visto una crescita del Pil pro capite nel corso degli ultimi due decenni, mentre per il Regno Unito recentemente è calata sotto i livelli della Germania.

"Se il ritmo di 'sottoperformance' rispetto alla Germania continuerà anche nel prossimo decennio, allora la Gran Bretagna terminerà il periodo con un Pil pro capite più vicino a quello dell'Italia che della Germania", spiega il think-tank.

L'indagine è stata finanziata da Nuffield Foundation, un ente di beneficenza che finanzia le ricerche di politica sociale.

(Tradotto a Danzica da Enrico Sciacovelli, in Redazione a Roma Francesca Piscioneri)

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli