Gdf, calendario 2020 dedicato a 100 anni Scuola Alpina di Predazzo

webinfo@adnkronos.com

E' dedicato al centenario della Scuola Alpina di Predazzo, il più antico istituto di formazione alpestre militare conosciuto in Italia e all'estero il calendario 2020 della Guardia di Finanza. La scuola Alpina, nata nel 1920, nel tempo ha curato e continua a farlo ancora oggi, con passione e amore, l'addestramento e il costante aggiornamento dei militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (Sagf).  

Il calendario, da sempre "un insostituibile strumento della missione e dell’immagine del Corpo" è stato presentato oggi alla presenza del comandante generale della Guardia di Finanza Giuseppe Zafarana, del presidente del Consiglio Giuseppe Conte e del ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri. 

"Se i successi nello sport - si legge nel l'intervento di Zafarana pubblicato sul calendario - hanno rappresentato l'alloro agonistico della Scuola, per le prestigiose affermazioni internazionali che tanto onore hanno conferito alle fiamme gialle e al Paese, è nel soccorso alpino che essa ha dato prova dei suoi più alti e nobili ideali di generosità, solidarietà e spirito di sacrificio rivolto al bene comune". 

 

Sfogliando le pagine del Calendario, che riassume un secolo di vita dell’Istituto, emergono con chiarezza, nelle storie e nei volti dei protagonisti, l’impronta alpinistica del Corpo e i solidi princìpi su cui essa si fonda. Era il 1920 quando, fra le imponenti vette dolomitiche che circondano la Val di Fiemme e la cittadina di Predazzo, nasceva la Scuola. 

La definizione dei nuovi confini del nostro Paese, intervenuta a seguito del primo conflitto mondiale, rendeva infatti necessario intensificare l’azione di vigilanza lungo l’arco alpino. È proprio in tali contesti ambientali che le Fiamme Gialle hanno avuto l’opportunità di sviluppare e fortificare, nello svolgimento della quotidiana azione di presidio, le competenze indispensabili per il perseguimento dei compiti istituzionali e i valori - il coraggio, la tenacia, lo spirito di sacrificio e la fierezza - tipici di chi è chiamato a operare in ambiti così difficili. Valori che, da allora, sono stati tramandati, di generazione in generazione, sino ai nostri giorni, nei Reparti di Istruzione del Corpo. 

La Scuola Alpina da sempre esercita la sua duplice funzione di istituto per la formazione di base degli Allievi Finanzieri e di unico centro del Corpo per la preparazione specialistica del personale destinato a operare in montagna e ad intervenire in caso di calamità naturali. 

Si tratta dei militari del Soccorso Alpino della Guardia di Finanza (SAGF), resisi protagonisti - anche recentemente, in occasione dei tragici eventi che hanno colpito, nell’estate del 2016 e nell’inverno del 2017, il Centro Italia - di eccezionali azioni a favore di cittadini in stato di pericolo. Azioni efficaci, tempestive, altamente professionali e in molti casi risolutive, realizzate in piena sinergia con il Sistema Nazionale di Protezione Civile. 

A livello sportivo, inoltre, l’addestramento sciistico impartito dai qualificati istruttori della Scuola ha condotto l’intero movimento agonistico nazionale ai massimi traguardi olimpici e mondiali, grazie alle indimenticabili vittorie e ai titoli ottenuti dagli atleti delle Fiamme Gialle, motivo di vanto per l’intero Paese. Ripercorrerne la storia, attraverso le pagine del calendario, offre l’opportunità di valorizzare l’indiscussa rilevanza di una specialità espressa negli anni ed evolutasi fino a far assumere al Corpo il ruolo di vera e propria polizia “di montagna”.