Gdf Genova denuncia 2 imprenditori per bancarotta fraudolenta

Fos

Genova, 3 ott. (askanews) - La Guardia di Finanza di Genova ha denunciato due amministratori di un gruppo di imprese operanti nel campo dei servizi che, mediante artifizi documentali, avevano permesso ad una di queste di aggiudicarsi un appalto del valore di oltre 160 mila euro bandito dall'Asl 3 genovese. Le indagini, coordinate dalla locale Procura, hanno portato a scoprire anche un conclamato stato di insolvenza dell'impresa appaltatrice nei confronti dell'Erario, di altre aziende e dipendenti, per oltre tre milioni di euro.

In particolare è stata fatta luce su una serie di artifizi a cui hanno fatto ricorso i due imprenditori per sottrarre l'azienda, appositamente "svuotata", dalle legittime pretese dei creditori. Di fatto i due indagati avevano solo formalmente venduto il patrimonio aziendale, con lo scopo di non onorare i debiti contratti, sostanzialmente attraverso il dirottamento verso un altro soggetto dei crediti vantati per appalti pubblici ed il trasferimento fittizio di beni ad altre società a loro riconducibili.

Il concorso di creditori compiacenti, che avevano falsamente dichiarato di non vantare crediti verso l'azienda, ha consentito inoltre ai due imprenditori di vanificare l'azione dell'Erario che, a fronte di oltre 2 milioni di euro di debiti, aveva chiuso negativamente il tentativo di pignoramento presso terzi. (segue)