Gdf Lodi: ai domiciliari M. Lodigiani, ex sindaco di S. Stefano

Lzp

Milano, 10 giu. (askanews) - E' l'ex sindaco di Santo Stefano Lodigiano, Massimiliano Lodigiani, l'ex amministratore pubblico, arrestato dalla Guardia di Finanza di Lodi e posto ai domiciliari. Le indagini denominate "Fake mayor" hanno permesso di far luce su gravi episodi di truffa, per il periodo dal 2004 al 2019, da parte di Lodigiani che indagato per truffa, peculato, falsit in testamento olografo, turbata libert degli incanti, istigazione alla corruzione e circonvenzione d'incapace. Fra gli episodi contestati, il pi grave risale al 2018, quando avendo la tutela provvisoria di una sua concittadina ne avrebbe falsificato il testamento olografo consentendo al Comune di ereditare tutti i beni mobili ed immobili per un valore complessivo di un milione di euro. Per questa ragione stato disposto il sequestro di depositi del Comune per 292mila (210mila gi bloccati) euro e di 8 terreni e 4 fabbricati.

Insieme all'ex sindaco c' una seconda indagata, una donna di 70 anni accusata di 2 dei 9 reati contestati a Lodigiani e per la quale scattato l'obbligo di firma.

La denuncia che ha portato ai domiciliari Lodigiani, ha spiegato il procuratore della Repubblica di Lodi, Domenico Chiaro, stata presentata dall'ex sindaca Valentina Pellini che, eletta a maggio dello scorso anno, si era dimessa ad agosto per contrasti con il predecessore Lodigiani. Da allora il Comune di Santo Stefano Lodigiano commissariato e gestito da un funzionario della Prefettura di Lodi.