Gelmini: adeguati prezzi appalti, cantieri non si fermeranno

Image from askanews web site
Image from askanews web site

Milano, 9 mag. (askanews) - "Con il dl aiuti approvato la scorsa settimana abbiamo stanziato le risorse necessarie per adeguare i prezzi degli appalti, per aiutare le imprese impegnate nella realizzazione delle opere a fronteggiare il balzo dei costi di materie prime ed energia". Lo ha detto Mariastella Gelmini, ministro per gli Affari regionali e le autonomie, intervenendo ad un incontro organizzato da Assolombarda, a Milano.

"Abbiamo disposto nel decreto di giovedì - ha proseguito Gelmini - l'aumento dei prezziari per le lavorazioni effettuate tra il 1° gennaio 2022 e il 31 dicembre 2023. Le stazioni appaltanti possono incrementare i prezziari esistenti nel limite del 20%. Questo 20% è a carico dello Stato per il 90% e dell'operatore privato per il 10%. La misura vale 1.200 milioni per il 2022 e 1.050 milioni per il 2023. Sono oltre due miliardi di euro e sono spesi bene, perché servono a non bloccare i cantieri. Analogamente - ha concluso la ministra - con un'altra misura contenuta nel decreto abbiamo autorizzato i concessionari di opere pubbliche (ANAS, RFI, FS) ad applicare i prezziari più aggiornati, in modo da non far interrompere le opere cantierate".

Il nostro obiettivo è creare un luogo sicuro e coinvolgente in cui gli utenti possano entrare in contatto per condividere interessi e passioni. Per migliorare l’esperienza della nostra community, sospendiamo temporaneamente i commenti sugli articoli